Archivi Blog

Postumi di una sbronza? Non hai mangiato un po’ di asparagi

asparagiUn bel Martini Dry come aperitivo, qualche calice di vino a cena, due o tre mojito per finire la serata. Ogni tanto capita di alzare un po’ troppo il gomito, ma il giorno dopo il nostro corpo ci fa pagare il conto. Mal di testa, sonnolenza, bruciore di stomaco e nausea.

In Corea del Sud sembra abbiano trovato una soluzione: gli asparagi. Come riporta il Time of India I ricercatori dell’istituto di Scienze Mediche affermano che i minerali e gli aminoacidi contenuti in questo ortaggio proteggono le cellule del fegato dalle tossine e  possono prevenire gli effetti di una sbronza.

Analizzando i componenti degli asparagi e confrontando i loro effetti biochimici sulle cellule epatiche umane sembra che il contenuto di aminoacidi e minerali dell’ortaggio sia molto alto.

Il cosiddetto “effetto hangover“, dovuto a un uso cronico ed eccessivo di alcool, è causato da uno stress ossidativo del fegato. Applicando trattamenti con estratti di foglie e germogli di asparagi sembra che le tossicità cellulari siano significativamente alleviate con una conseguente diminuzione dei fastidiosi disturbi post-sbronza e un miglioramento delle funzioni del proprio fegato.

Si avvicina il Capodanno, avete già organizzato la vostra festa e vi state preparando per il cenone, ricco di brindisi, spumante, buon vino, cocktails? Bene, se volete evitare le classiche conseguenze del “giorno dopo la festa” con pancia gonfia, mal di stomaco e testa che sta per scoppiare, provate a far inserire nel menù anche qualche piatto di gustosi e genuini asparagi verdi.

Stefania Bernardini